Tortine di carote al curry

Ingredienti

Per la pasta matta:
300 gr di semola di grano duro
2 cucchiai di olio extravergine di oliva
150 ml di acqua
4 cucchiai di semi di papavero
sale
Per il ripieno:
300 gr di carote mondate e pelate
100 gr di arachidi tostate e sgusciate
curry
sale

Tortine di carote al curry

Caratteristiche:
  • Ricette vegan senza soia

Delle tortine salate, buone e semplici da preparare, ripiene di carote e speziate al curry. davvero super!

  • 35 min
  • Media

Ingredienti

  • Per la pasta matta:

  • Per il ripieno:

Procedimento

1
Fatto

Per la pasta matta:

Disponete in una terrina la semola a fontana e aggiungete al centro l'olio, l'acqua, i semini e un pizzico di sale. Lavorate gli ingredienti per amalgamarli, fino a formare un composto morbido e liscio. Se avete tempo, potete far riposare la pasta in frigorifero per 30 minuti, in un contenitore ermetico.

2
Fatto

Per il ripieno:

Grattugiate le carote e tritate finemente le arachidi fino a ridurle in farina. Impastate le carote con la farina di arachidi e il curry (a vostro gusto, io direi almeno 1 cucchiaino raso) fino ad ottenere un composto compatto. Regolate di sale.

3
Fatto

Assemblare le tortine:

Stendete la pasta su un piano leggermente infarinato, con il mattarello, fino a uno spessore di 3 mm. Ricavate dei dischi con dei coppapasta o dei bicchieri. Versate al centro di ogni dischetto un cucchiaio di ripieno (più o meno), e pizzicate i bordi per fargli assumere l'aspetto di una tartelletta. Proseguite fino a esaurire gli ingredienti.

4
Fatto

Poggiatele su una teglia spolverata di semola e cuocetele a 180° per 20', finché non sono dorate.
Servitele accompagnandole con un’insalata mista.

Betti Taglietti

Dottoressa in biologia della nutrizione e tecniche erboristiche e foodblogger.

Guarda tutte le sue ricette

Sono Dottoressa in Biologia della Nutrizione e Tecniche Erboristiche, mi occupo di didattica e ho una lunga storia d’amore con i fornelli alle spalle. Ho scelto di essere vegan nel 2009, per cercare di inquinare il meno possibile e risparmiare acqua e combustibili fossili. Nel corso degli anni mi sono accorta di quanto stessi meglio e di quanta sofferenza avessi evitato a migliaia di animali. In tutti questi anni, ho cucinato per centinaia e centinaia di persone, prima come volontaria nella cucina di diverse feste estive e poi con catering, corsi di cucina, workshop e showcooking. Tengo corsi di cucina vegan, sia molto generale che molto specifica e collaboro con le scuole in qualità di educatrice ambientale, per insegnare educazione alimentare, e con gli orti botanici milanesi, ai quali sono molto legata. In primavera, aiuto a fare chiarezza tra le erbacce, insegnando come riconoscere le più comuni erbe selvatiche lombarde. Se possibile, insegno anche come cucinarle subito dopo la raccolta. Collaboro/ho collaborato con La fioreria, Veggy days Milano Isola, QF11, VILLA fiorita, MiVEG, Libersalone, Orticola, Redroom, Spazio culturale MyG, Sweet Irene, Patty e selma, Il germoglio, il Borghetto di Brola, Monk, ABF Bergamo, Tera Salvaria, Libera pentola, UNArivolta, Macao, Arci Malabrocca, Festa di Radio onda d’urto.