Torta salata alle cipolle

Ingredienti

Per la pasta matta:
250 gr di farina di farro
30 gr di olio di semi leggero
130 gr di acqua
sale
aceto di mele
Per il ripieno:
2 medie cipolle rosse
2 cucchiai di olio extravergine di oliva
100 ml di aceto balsamico
2 cucchiai di zucchero di canna integrale
sale
Per decorare:
qualche rametto di timo-limone

Torta salata alle cipolle

Caratteristiche:
  • Ricette veg economiche
  • Ricette vegan senza soia

Una torta salata davvero deliziosa e semplice da realizzare, perfetta per ogni occasione.

  • 55 min
  • Facile

Ingredienti

  • Per la pasta matta:

  • Per il ripieno:

  • Per decorare:

Procedimento

1
Fatto

Per la base unisci gli ingredienti secchi e quelli liquidi, poi inizia a impastare fino a ottenere un impasto omogeneo. Forma una palla, mettila in una terrina e coprila con un canovaccio, lasciandola riposare 40 minuti prima dell'utilizzo.

2
Fatto

Nel frattempo accendi il forno a 200° e prepara il ripieno.

3
Fatto

Taglia le cipolle a spicchi di medie dimensioni. Versa l'olio e il sale in una padella e fai rosolare gli spicchi di cipolla. Quando sono rosolate, aggiungi l'aceto e lo zucchero e cuoci a fuoco basso, con il coperchio, finché le cipolle saranno tenere ma croccanti.

4
Fatto

Stendi una sfoglia spessa circa 1 cm e 1/2, e sistema le cipolle sulla sfoglia. 
Inforna a 200 °C per 40 minuti. Prima di servire, guarnisci con dei rametti di timo limone.

Lucia Valentina Nonna

Scrittrice, blogger e cuoca

Guarda tutte le sue ricette

Vivo a Genova con il mio compagno, tre gatti e un cane di nome Medora. Circa 5 anni fa nasceva il mio blog, labalenavolante.com, con l'intento di condividere la mia passione per i libri di cucina (ovviamente vegan!) e le mie ricette del cuore, quelle che mi piace preparare per gli amici, nella vita di ogni giorno o per qualche occasione speciale. Il mio percorso di consapevolezza rispetto alla scelta vegan ha avuto inizio nel 2000, quando ero poco più che adolescente. Inizialmente la mia scelta è stata dettata da ragioni etiche, andando poi con gli anni ad abbracciare anche altri aspetti, legati alla salute mia e del Pianeta. Quando ho iniziato questo percorso, ancora si parlava poco di scelta vegan, almeno in Italia. Amici e parenti erano piuttosto scettici, ma col tempo, coinvolgendoli in questo cammino attraverso il dialogo e il confronto pacifico, molti si sono convinti a cambiare, ciascuno con i propri tempi, come mia mamma, diventata vegana a 63 anni, il mio compagno, cresciuto nella convinzione che mangiare carne fosse indispensabile e diventato vegano tre anni fa, e tanti altri. Di questo percorso ho parlato in un libro, Diario di una famiglia vegan, edito da Anima e uscito nelle librerie a luglio 2015.