Tonno di jackfruit

Ingredienti

230 g di jackfruit in salamoia
100 g di maionese vegetale
1 foglio di alga nori
5/6 capperi
½ cucchiaino di sale
1 mazzetto di prezzemolo
1 spicchio di limone

Tonno di jackfruit

Assomiglia – per sapore e consistenza – al tonno in scatola, ma per realizzarlo nessuno ha perso la vita. Esiste qualcosa di meglio? 🐟

  • 30 minuti
  • Porzioni 4
  • Facile

Ingredienti

Procedimento

1
Fatto

Assicurati che il jackfruit sia in salamoia, scolalo e sciacquatelo sotto l’acqua corrente.
Spostalo poi in padella aggiungendo un filo d’olio, aggiusta di sale, copri con un coperchio e lascialo cuocere per una decina di minuti.

2
Fatto

Nel frattempo prepara la salsa: in un blender versa la maionese vegetale, le alghe, i capperi, il sale ed il prezzemolo.
Frulla fin quando non avrai ottenuto un composto liscio e omogeneo.

3
Fatto

Trascorso questo tempo schiaccia il jackfruit con l’aiuto di una forchetta e trasferiscilo in una ciotola nella quale avrai precedentemente aggiunto il mix di maionese vegetale e alghe.

4
Fatto

Lascia riposare per 24h coperto in frigo
È perfetto in moltissime preparazioni, come ad esempio un bel club sandwich al profumo di mare.

Ida d'Ippolito

Ideatrice del canale Vegnarok, divulgatrice di ricette vegetali

Guarda tutte le sue ricette

Ida d’Ippolito è una giovane donna Calabrese trasferitasi a Milano per studiare Design, che ha deciso di unire il suo essere vegana alla sua passione per la cucina, per portare avanti un messaggio attraverso diversi canali social: essere vegani è possibile senza rinunciare al gusto. Vegnarok nasce dalla passione di Ida per la mitologia nordica e l’esoterismo ed è gioco di parole Vegan e Ragnarok. L’evento che secondo la mitologia norrena segna la fine dei tempi. Non può essere impedito. Si tratta quindi di una fine ciclica del mondo, a cui seguirà una nuova creazione. Il nome vuole lasciar intendere la creazione di un nuovo mondo privo di ogni violenza. Dove il cibo rappresenta un modo per celebrare il proprio inno alla vita in ogni circostanza. Ida propone quindi una visione dell'alimentazione sostenibile, nel rispetto di ogni vita e dell’ambiente. Comunicando la reale semplicità della scelta di un'alimentazione vegetale nella quotidianità. Senza rinunce e con molto più gusto!