Sformato di patate e cicoria

Ingredienti

Una cicoria
Due e mezzo patate
Un peperoncino
olio extravergine di oliva
aglio
Un cucchiaio e mezzo di amido di mais
Due cucchiai di lievito alimentare in scaglie
Due grattate di pepe
4 grattate di noce moscata una grattata corrisponde a fare una volta su e giù sulla piccola grattugia
Due cucchiai e mezzo di formaggio vegetale grattugiato
pan grattato

Sformato di patate e cicoria

Antipasto, contorno o secondo: questa ricetta si presta a ogni preparazione!

  • 45 minuti
  • Facile

Ingredienti

Procedimento

1
Fatto

Cuocere sia le patate che la catalogna in acqua bollente salata, ma in due pentole diverse.

2
Fatto

Scolare e poi ripassare la catalogna in padella con un soffritto di olio, aglio schiacciato con lo schiaccia aglio oppure tritato finemente, peperoncino secco.

3
Fatto

Far insaporire bene la catalogna e far evaporare un po’ l’acqua di cottura. Frullare la catalogna fino ad ottenere una crema.

4
Fatto

Schiacciare le patate con la forchetta. Mescolare catalogna e patate, aggiungere l’amido di mais, il lievito alimentare, il pepe, la noce moscata e il grattugiato vegetale.

5
Fatto

Ungere una terrina dai bordi alti facendo passare l’olio anche sui bordi, cospargere tutti i lati interni della teglia con pangrattato, aggiungere l’impasto e livellarlo con un cucchiaio.

6
Fatto

Fare delle righe con la forchetta sulla superficie, aggiungere ancora pangrattato e olio. Cuocere in forno a 190° per 25 minuti con la modalità sopra e sotto; nel mio caso ho aggiunto altri cinque minuti solo sotto (il mio forno è più debole sotto). Volendo si può dare anche un ultimo minuto di grill.

7
Fatto

Vi consiglio di non mangiarlo subito ancora caldo, ma di aspettare almeno 10/15 minuti. In questo modo si riusciranno a tagliare delle fette e si sentirà meglio il sapore.

Mary di Vegoloso

Attivista per gli animali, appassionata di cucina vegetale

Guarda tutte le sue ricette

Ciao, sono Maria Francesca, per gli amici Mary. Su Instagram mi chiamo Vegoloso perché il mio obiettivo è quello di prendere tutti per la gola e dimostrare che il cibo vegetale sa essere davvero tanto godereccio. Si può godere a tavola, infatti, senza far del male a nessun animale. Sono umbra, vivo in Lombardia e nella vita suono e insegno il clarinetto nella scuola media. Mi occupo anche di fare attivismo per gli animali, sotto diverse forme e con diverse organizzazioni. Ho sempre adorato cucinare. Io ero quella bambina che stava sotto al tavolo con gli occhi attenti a quello che vi succedeva sopra, cercando di carpire i segreti delle nonne, mentre preparavano le varie pietanze. Spero di riuscire a trasmettervi tutto il mio amore per il cibo, che per me deve essere anzitutto goduria e coccola, sia per sé che per gli altri. E il fatto di essere diventata vegana non ha scalfito minimamente tutto ciò. L’essere diventata vegana ha anzi aggiunto una missione importante alla mia cucina. Quella di mostrare quanto sia facile e bello lasciare la sofferenza fuori dai nostri piatti.

Sostieni IOSCELGOVEG
con il tuo 5x1000 Scopri come

Scopri come
Chiudi