Polpettine ascolane

Ingredienti

225 gr di ceci già cotti
90 gr di olive verdi snocciolate
3 o 4 cucchiai di fiocchi di avena o di latro cereale
scorza di limone
origano
paprika
salsa di soia
olio extravergine di oliva
2 cucchiai di lievito alimentare in scaglie
per la panatura farina di mais

Polpettine ascolane

Caratteristiche:
  • Ricette vegan senza glutine

Un classico della tradizione ascolana in chiave vegan, davvero buonissime!

  • 35 min
  • Facile

Ingredienti

Procedimento

1
Fatto

Scolate e sciacquate i ceci sotto l’acqua corrente.

2
Fatto

Riunite in un mixer i ceci, le olive, la cipolla a tocchetti, 2-3 cucchiai di olio evo e azionate con la funzione pulse fino a ottenere un composto bricioloso (non ci serve un purè!). Se non avete un mixer capiente, potete schiacciare i ceci con uno schiacciapatate o con una paletta di metallo, e tritare finemente con la mezzaluna la cipolla e le olive.

3
Fatto

Versate il trito in una ciotola capiente e aggiungete spezie e aromi: la scorza di un limone grattugiata, un cucchiaino di paprika e uno di origano, il lievito alimentare in scaglie, due cucchiai di salsa di soia (oppure una spolverata di sale alle erbe) e infine mescolate vigorosamente con le mani, in modo da avere un composto omogeneo.

4
Fatto

A questo punto va addensato con la farina di fiocchi d'avena: polverizzate i fiocchi nel mixer (o con il frullatore a immersione e l'apposito bicchiere) fino all'ottenimento di una farina grossolana. Questa sarà il vostro pangrattato: usatela per addensare il composto, ma ricordate di non abusarne, o le polpettine si seccheranno troppo in cottura. La farina avanzata si conserva in un barattolo ermetico.

5
Fatto

Inumiditevi le mani e formate delle palline grandi come noci, quindi tuffatele nella farina di mais e smuovetele, in modo da ricoprirle uniformemente.

6
Fatto

Disponetele su una teglia con un filo d'olio sia sotto che sopra, e cuocete in forno caldo a 180° per 15-20 minuti (fino a che non sono dorate e croccanti). Servite con della maionese di soia.

Betti Taglietti

Dottoressa in biologia della nutrizione e tecniche erboristiche e foodblogger.

Guarda tutte le sue ricette

Sono Dottoressa in Biologia della Nutrizione e Tecniche Erboristiche, mi occupo di didattica e ho una lunga storia d’amore con i fornelli alle spalle. Ho scelto di essere vegan nel 2009, per cercare di inquinare il meno possibile e risparmiare acqua e combustibili fossili. Nel corso degli anni mi sono accorta di quanto stessi meglio e di quanta sofferenza avessi evitato a migliaia di animali. In tutti questi anni, ho cucinato per centinaia e centinaia di persone, prima come volontaria nella cucina di diverse feste estive e poi con catering, corsi di cucina, workshop e showcooking. Mi divido tra il lavoro con Essere Animali, dove mi occupo delle campagne di food policy, e i corsi di cucina vegan e naturale, sia molto generale che molto specifica. Saltuariamente collaboro anche con le scuole in qualità di educatrice ambientale, per insegnare educazione alimentare, e con gli orti botanici milanesi, ai quali sono molto legata. In primavera, aiuto a fare chiarezza tra le erbacce, insegnando come riconoscere le più comuni erbe selvatiche lombarde.