Polpette di lenticchie al sugo

Ingredienti

Per le polpette:
400 g lenticchie già cotte
80 g di farina di ceci
20 g di rosmarino
20 g di salsa di soia
Per il sugo:
200 g di passata di pomodoro
½ cipolla
basilico
sale
olio d'oliva

Polpette di lenticchie al sugo

Utilizzando i legumi si ottengono secondi piatti vegan davvero gustosi. Queste polpette di lenticchie al sugo ne sono uno splendido esempio.

  • 30 minuti
  • Porzioni 3
  • Facile

Ingredienti

  • Per le polpette:

  • Per il sugo:

Procedimento

1
Fatto

Per le polpette:

Nel bicchiere di un mixer versa le lenticchie, la farina di ceci, il rosmarino e la salsa di soia. Aziona fino a quando non avrai ottenuto un composto liscio ed omogeneo.

2
Fatto

Inizia a formare le polpette, se il composto dovesse risultare troppo morbido, puoi aggiungere una spolverata di farina di ceci (o del pan grattato se non sei intolleranti al glutine). Posizionale su una teglia foderata con della carta da forno e cuoci a 180° in forno statico preriscaldato per 20 minuti, fin quando non si saranno compattate.

3
Fatto

Nel frattempo fai soffriggere un po’ di cipolla con un filo d’olio, aggiungi il sugo, un cucchiaino di zucchero, un pizzico di sale e del basilico. Copri con un coperchio e lascialo andare per 10 minuti a fuoco lento.

4
Fatto

Una volta che le polpette saranno cotte, aggiungile in padella con il sugo, coprile e lasciale cuocere per altri 5 minuti. Girale delicatamente.
Si conservano in frigo all'interno di un contenitore chiuso ermeticamente per 2/3 giorni.

Ida d'Ippolito

Ideatrice del canale Vegnarok, divulgatrice di ricette vegetali

Guarda tutte le sue ricette

Ida d’Ippolito è una giovane donna Calabrese trasferitasi a Milano per studiare Design, che ha deciso di unire il suo essere vegana alla sua passione per la cucina, per portare avanti un messaggio attraverso diversi canali social: essere vegani è possibile senza rinunciare al gusto. Vegnarok nasce dalla passione di Ida per la mitologia nordica e l’esoterismo ed è gioco di parole Vegan e Ragnarok. L’evento che secondo la mitologia norrena segna la fine dei tempi. Non può essere impedito. Si tratta quindi di una fine ciclica del mondo, a cui seguirà una nuova creazione. Il nome vuole lasciar intendere la creazione di un nuovo mondo privo di ogni violenza. Dove il cibo rappresenta un modo per celebrare il proprio inno alla vita in ogni circostanza. Ida propone quindi una visione dell'alimentazione sostenibile, nel rispetto di ogni vita e dell’ambiente. Comunicando la reale semplicità della scelta di un'alimentazione vegetale nella quotidianità. Senza rinunce e con molto più gusto!