Lasagne con ragù di lenticchie

Ingredienti

pasta per lasagne di grano duro
Per il ragù:
100 gr di lenticchie secche messe in ammollo almeno 4 ore prima
1 carota
1 gambo di sedano
1/2 cipolla
cannella
noce moscata
chiodi di garofano
sale
erbe aromatiche salvia, rosmarino e alloro
1/2 bicchiere di vino rosso
700 ml di polpa di pomodoro
200 ml di latte vegetale senza zucchero
Per la besciamella:
500 ml di latte vegetale senza zucchero
40 ml di olio extravergine di oliva
50 gr di farina integrale
sale
noce moscata

Lasagne con ragù di lenticchie

Non esistono solo le lasagne all’uovo! Quelle secche (preparate con farina e acqua) si cuoceranno in forno senza bisogno di precottura, basterà lasciare il sugo più umido.

  • 1 ora e 20 min
  • Facile

Ingredienti

  • Per il ragù:

  • Per la besciamella:

Procedimento

1
Fatto

Per il ragù:

Tritate finemente carota, sedano e cipolla e rosolateli con un fondo di olio in un tegame.
Aggiungete le lenticchie e gli aromi (3 foglie di salvia e gli aghi di un rametto di rosmarino tritati; una punta di cucchiaino per ciascuna spezia in polvere), mescolate finché i legumi non sono ben tostati (5 minuti) e a questo punto versate il vino.

2
Fatto

Fatelo evaporare completamente prima di aggiungere il pomodoro e 150 ml di acqua. Coprite con un coperchio paraschizzi (a retina). Mescolando saltuariamente, fate cuocere 50 minuti.
Quando le lenticchie saranno cotte (e il sugo di conseguenza rappreso) aggiungete il latte e regolate di sale, fate restringere ancora fino alla densità desiderata.
Volendo potete frullare sommariamente con il frullatore a immersione (non dovete ottenere una vellutata ma rompere un po’ le lenticchie a dare l’effetto ragù).

3
Fatto

NB per una versione più rapida potete procedere con le lenticchie già cotte: in questo caso, riducete il pomodoro a soli 400 ml e non aggiungete acqua, e cuocete per 20 minuti.

4
Fatto

Per la besciamella:

Scaldate in una pentola l’olio con la farina, e cuocete mescolando con un cucchiaio di legno per 4 minuti. Aggiungete il latte poco alla volta, mescolando con una frusta per non fare grumi. Portate a bollore sempre mescolando, quindi spegnete. Tenetela più liquida del solito, servirà a cuocere la pasta secca delle lasagne.

5
Fatto

Preparate le lasagne:

Versate un piccolo mestolo di besciamella calda sul fondo di una pirofila, quindi mettete uno strato di pasta secca, uno strato di besciamella e uno di ragù bollente, quindi ripetete gli strati fino a esaurimento degli ingredienti.

6
Fatto

Cuocete in forno caldo a 180° per 30 minuti. Fate la prova con uno stuzzicadenti per verificare la cottura della pasta. Servite bollenti.

Betti Taglietti

Dottoressa in biologia della nutrizione e tecniche erboristiche e foodblogger.

Guarda tutte le sue ricette

Sono Dottoressa in Biologia della Nutrizione e Tecniche Erboristiche, mi occupo di didattica e ho una lunga storia d’amore con i fornelli alle spalle. Ho scelto di essere vegan nel 2009, per cercare di inquinare il meno possibile e risparmiare acqua e combustibili fossili. Nel corso degli anni mi sono accorta di quanto stessi meglio e di quanta sofferenza avessi evitato a migliaia di animali. In tutti questi anni, ho cucinato per centinaia e centinaia di persone, prima come volontaria nella cucina di diverse feste estive e poi con catering, corsi di cucina, workshop e showcooking. Tengo corsi di cucina vegan, sia molto generale che molto specifica e collaboro con le scuole in qualità di educatrice ambientale, per insegnare educazione alimentare, e con gli orti botanici milanesi, ai quali sono molto legata. In primavera, aiuto a fare chiarezza tra le erbacce, insegnando come riconoscere le più comuni erbe selvatiche lombarde. Se possibile, insegno anche come cucinarle subito dopo la raccolta. Collaboro/ho collaborato con La fioreria, Veggy days Milano Isola, QF11, VILLA fiorita, MiVEG, Libersalone, Orticola, Redroom, Spazio culturale MyG, Sweet Irene, Patty e selma, Il germoglio, il Borghetto di Brola, Monk, ABF Bergamo, Tera Salvaria, Libera pentola, UNArivolta, Macao, Arci Malabrocca, Festa di Radio onda d’urto.