Carrot Cake

Ingredienti

170 g di carote
150 g di farina di farro semintegrale
50 g di farina di riso
40 g di farina di mandorle
18 g di lievito per dolci
1/3 di cucchiaino di vaniglia bourbon in polvere
80 g di crema di mandorla
50 g di olio di semi di mais
110 g di sciroppo di riso
La buccia grattugiata di ½ limone oppure olio essenziale di limone
Un pizzico di sale
Per la farcitura
200 g di yogurt di soia al naturale o altro yogurt
3 cucchiai di farina di mandorle
3 cucchiai di sciroppo di riso

Carrot Cake

Caratteristiche:
  • Ricette veg economiche

Ecco uno dei dolci più amati di sempre: la carrot cake. Provala in questa deliziosa versione con farcitura di crema allo yogurt.

  • 60 minuti
  • Porzioni 6
  • Facile

Ingredienti

  • Per la farcitura

Procedimento

1
Fatto

Grattugia le carote, versale in una terrina e aggiungi lo sciroppo di riso, l'olio di semi di mais, la crema di mandorle, il limone ( la buccia grattugiata o l'olio essenziale) e mescola per ottenere un composto uniforme.

2
Fatto

Aggiungi le farine, la polvere lievitante, il sale e la vaniglia, continuando a mescolare per ottenere un composto cremoso ma non troppo liquido.

3
Fatto

Versa l'impasto in una teglia di 20cm di diametro foderata con carta antiaderente e con i bordi oliati, inforna a 170 per 35 minuti. A cottura ultimata sforna e lascia raffreddare.
Nel frattempo prepara la copertura mescolando lo yogurt di soia con la farina di mandorle e lo sciroppo di riso.

4
Fatto

Guarnisci la torta con uno strato spesso di crema allo yogurt e lascia riposare un'ora in un luogo fresco e asciutto prima di servire.

Roberta Taste and Soul

Appassionata di alimentazione e stila di vita sani, autrice del blog "Taste and Soul"

Guarda tutte le sue ricette

Roberta è appassionata da sempre di alimentazione e stile di vita sani, ma la svolta è arrivata una decina di anni fa, momento in cui ha deciso di guardare al benessere con un approccio più completo. Ha iniziato a dedicarsi allo studio ma anche alla pratica, seguendo corsi che le insegnassero ad applicare la teoria alla vita di tutti i giorni. Un percorso di formazione nel quale ha avuto il privilegio di frequentare importanti scuole come la "Joia Academy" di Pietro Leeman, la "Funny Veg Academy" di Simone Salvini, la "Plantlab Culinary" di Matthew Kenney e "La Sana Gola" di Martin Halsey. Da vegetariana a vegana a macrobiotica, fino alla consapevolezza di non avere etichette, ma semplicemente di amare una cucina sana, fatta di ingredienti di qualità, senza nuocere ad animali e ambiente. Non le servono carne, latticini o zuccheri raffinati per soddisfare il palato e per proporre piatti gustosi, ma solo la passione per la salute e il piacere di cucinare. Condivide le sue ricette sul suo sito tasteandsoul.it