Burger di lenticchie con pomodori secchi

Ingredienti

300 g di lenticchie già cotte
1 carota
1 cipolla
5 pomodori secchi
2 cucchiai di pangrattato
3 cucchiai di salsa di soia
1 rametto di timo
paprika
pepe
olio extravergine di oliva
olio di semi

Burger di lenticchie con pomodori secchi

Sono pronti in 30 minuti e ideali per un pasto veloce da portare fuori, da mangiare in ufficio o per un gustoso picnic 🍔

  • 30 minuti
  • Porzioni 2
  • Facile

Ingredienti

Procedimento

Prima di tutto metti a idratare i pomodori secchi in acqua tiepida per 15 minuti.

1
Fatto

Trita carota e cipolla grossolanamente e falle soffriggere in un goccio d’olio in padella per 5 minuti a fiamma medio-alta, dopodiché aggiungi le lenticchie (se utilizzi quelle in barattolo, sciacquale prima sotto l'acqua corrente), i pomodori secchi dopo averli strizzati e tritati anch’essi grossolanamente, la paprika, il pepe, le foglie di timo.

2
Fatto

Faccio insaporire ancora per qualche minuto continuando a mescolare e poi sfuma con la salsa di soia. Mescola e fai appassire.

3
Fatto

Frulla tutto per qualche secondo e poi aggiungi 2 cucchiai di olio extravergine di oliva e il pangrattato. Frulla ancora senza esagerare, deve vedersi ancora qualche lenticchia intera.

4
Fatto

Ungiti le mani con un po’ d’olio e forma i burger dandogli la tipica forma di polpetta schiacciata. Falli rosolare in padella in abbondante olio di semi caldo per 2 o 3 minuti per lato. Servili dentro un panino con maionese vegetale, lattuga e pomodoro.

Giada Al Naturale

Abile coltivatrice e appassionata di autoproduzione

Guarda tutte le sue ricette

Sono cresciuta nella campagna veneta, tra le coltivazioni di mio nonno di radicchio tardivo e patate dolci. Non ho mai mangiato pesce, e la carne ha sempre fatto fatica ad andarmi giù. Invece in mensa alle elementari chiedevo doppia porzione di insalata (una volta sono arrivata a chiederla sette volte 😂). Finché un bel giorno del lontano 2012, complice un sogno che mi aveva disgustata, ho deciso di fare quella scelta che avrei dovuto fare molto prima e diventare finalmente vegetariana. Mi ci è voluto ancora qualche anno per eliminare formaggi e uova ma era solo una questione di tempo. A novembre 2020 ho deciso di aprire il mio profilo Instagram e iniziare a condividere le mie ricette, per sfatare qualche mito sull’alimentazione vegana, ancora a mio avviso incompresa, che ideo partendo da quello che raccolgo dal mio orto ogni giorno. Infatti nel mio profilo e nel mio canale Youtube racconto anche le mie avventure in campagna come apprendista contadina, che tenta di far diventare l’azienda agricola di famiglia più sostenibile. Spero inoltre di stimolare chi mi guarda ad iniziare con l’autoproduzione, non importa in che scala, anche solo delle aromatiche o delle fragole in vaso in balcone faranno una piccola grande differenza!